Summit delle giudici africane

summitjudges2018

 

                      To fully grasp such rejection, despair, and ultimately exclusion from a minimum of human dignity, it is necessary to understand that this form of violence against humanity consists not only in physical abuse (torture, repeated sexual abuse, forced organ harvesting, forced labour, including child labour) but also involves violence to the survivor’s soul. The latter creates wounds that are deeper and more complex than those already caused by the physical violence.

            Friends, those who share mutual affection, affirm each other and each other’s existence. Victims cannot have true friends, since they lack the affirmation that makes friendship the “unique good” defined by Simone Weil, inspired by Aristotle. The humiliation of the victim, perceived as the withdrawal or rejection of that affirmation to exist, harms, first and foremost, at a pre-juridical level, that “being with” others that characterizes any friendship. The humiliated person feels looked down on or, worse, completely unappreciated. Deprived of that essential existential approval that is friendship reduces personhood as if the victim did not exist. The humiliation of forced labour, prostitution, involuntary organ harvesting, in addition to bodily violation, from this point of view, consists in the victim’s perception of non-being, of not being considered as an end, but as a simple means or property of another: the person becomes a thing, an object.

            In the case of prostitution, there is something still worse than the complete annihilation of human identity: it is a betrayal of love, something of crucial importance to a young woman. When a family sells or gives their daughter away to prostitution, as often happens in cases of extreme poverty and in promiscuous environments, they betray her in the love that they owe her, and that she must receive from them. Likewise, when a young woman’s partner or boyfriend promises her the moon, the earth and the stars too, and then sells her into prostitution, she is also betrayed in a most intimate sense: in the relationship of love as mutual approval and “bond of perfection” (τὴν ἀγάπην, ὅ ἐστιν σύνδεσμος τῆς τελειότητος, St. Paul, Col 3:14). Unfortunately, this betrayal is the most common and effective method among traffickers, who use young men to capture teens through promises of love. “We will get married and have children”, they tell them. This destroys a person’s most intimate trust. The victims then feel worse than if they had been rejected, and therefore, the rehabilitation process usually starts from rebuilding their self-confidence and trust in others, in a kind of public acknowledgement of the betrayal and trafficking they suffered. This betrayal by someone they trusted and loved, is often perceived as worse than death.

            Two solutions are required to effectively implement the moral imperative of Goal 8.7 to eradicate these extreme forms of exclusion: human trafficking and modern slavery. First, it is necessary to get the best possible estimate of the extent of this phenomenon in Africa, and the places and regions that are most affected by it. Secondly, it is necessary to propose models and best practices that are effective for these purposes, tailored to the African situation.

            Current estimates suggest a figure of 50 million victims per year, with a very high percentage coming from Africa. What is more concerning is that these numbers continue to grow. It is, of course, our task to refine these estimates and to pinpoint the location of the victims as accurately as possible.

In relation to the models and best practices, these vary according to the type of crime. A detailed analy­sis cannot be provided here. We would simply like to mention that we consider the so-called Nordic model – which for the first time in history criminalizes the consumers and not the victims – to be exemplary. It is incomprehensible that in our 2000 years of Christianity there has never been a social and collective rebellion – as it happened in the fight for human rights, for example – to clearly condemn the discrimination suffered by women through the buying and selling of their bodies. St. Paul had stated that “the body is the temple of the Holy Spirit”,[1] but then St. Augustine formulated the doctrine of the lesser evil, at a time when prostitution was in some way regulated by the State, and this doctrine unfortunately had a great influence on the West and the Church, and did not contribute to the under­standing of the specific anthropology. Today, there are activists who belong to the private sector who devote their lives to the societal rehabilitation of these victims, creating a successful model which, besides giving them spiritual and psychological support, helps them find a home, a decent job, friendship and acknowledgement.

            As for the delicate issue of organ trafficking, in our last trip to China we launched a very promising model for the eradication of this terrible evil, which includes increased awareness of organ donation. In fact, an increase in organ donations is recognised to reduce trafficking. To encourage organ donation, the Chinese consider donors and their families to be heroes, and they are buried in special cemeteries reserved to such exceptional human beings. In addition, the State offers its decisive collabo­ration, without which it would be very difficult to comply with the short times required for transplants and to perform them safely.

            The judges and prosecutors participating in this important summit are gathered here to share their experiences, propose new models and assess existing ones. We trust that these women, with their unique sensitivity, kindness and gentleness, combined with their experience and principled justice, will play a decisive role in examining each case fairly and proposing best practices. It is no coincidence that Justice is always represented as a woman; it is commonly acknowledged that women are more capable than men of assessing each individual on a case-to-case basis. Their vocation for justice in society – giving each what is theirs – is a further manifestation of this disposition.

            Without justice there is no human society. It is only thanks to the figure of the judge that societies can be recognized as just and free. This must be reaffirmed, because there is an increasing tendency to dilute the figure of the judge through pressures from above and below, from the State and from the private sector, from recognized social structures and from the “structures of sin”, which, like powerful mafias, relentlessly pursue their aim of vitiating society, corrupting its justice and its people.

            Unfortunately, this process of dissolution affects people and their most sacred institutions. A nation is not only the sum of its individuals at a given moment, but is constituted of permanent values, ethics, institutions and especially rule of law embodied by the judiciary. “Salt is good, but if it loses its saltiness, how can you make it salty again? Have salt among yourselves, and be at peace with each other” (Mk 9:50). Such is Christ’s message, which resonates particularly with judges and prosecutors. We have summoned this Summit in the hope of providing a moral compass to navigate the stormy ocean of modernity in which we all live. Africa, the cradle of the human being, is the most promising continent today for the future of humanity, because of its natural and human wealth. According to Pope Paul VI, “Development is the new name for peace”, and its achievement is intrinsically related to the values of the dignity of the human person, justice and love.

 

+ Marcelo Sánchez Sorondo

 

[1] “Do you not know that your bodies are temples of the Holy Spirit, who is in you, whom you have received from God? You are not your own” (1 Co 6:19).

 

Vertice dei giudici delle donne africane sulla tratta di esseri umani e la criminalità organizzata

 

Casina Pio IV, Città del Vaticano, 12-13 dicembre 2018

 

Nota concettuale

 

            Il presente convegno è la continuazione del Vertice 2017 delle donne giudiche sulla tratta di esseri umani e la criminalità organizzata, in cui è emersa la necessità di focalizzarci sui problemi specifici del continente africano.

            Dopo numerose richieste e grazie alle definizioni di Papa Benedetto XVI e, soprattutto, di Papa Francesco, la schiavitù moderna, in termini di lavoro forzato, prostituzione e traffico di organi, è stata dichiarata un crimine contro l'umanità e come tale deve essere riconosciuta. In qualità di Cancelliere delle Pontificie Accademie delle Scienze e delle Scienze Sociali, sono onorato e grato che, grazie agli straordinari sforzi delle Nazioni Unite, l'Obiettivo 8.7 sia stato incluso tra gli Obiettivi di sviluppo sostenibile. Questo è il risultato di un incontro avvenuto alla Casina Pio IV tra Papa Francesco e l'allora Segretario Generale dell'Onu Ban Ki-moon. L'Obiettivo 8.7 afferma: "Adottare misure immediate ed efficaci per eliminare il lavoro forzato, porre fine alla schiavitù moderna e al traffico di esseri umani e assicurare la proibizione e l'eliminazione delle peggiori forme di lavoro minorile, incluso il reclutamento e l'impiego di bambini-soldato, e, entro il 2025, porre fine al lavoro minorile in tutte le sue forme”.

            Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, compreso l'Obiettivo 8.7, sono stati adottati universalmente a seguito di un memorabile e storico discorso di Papa Francesco all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel settembre 2015. I 193 Paesi delle Nazioni Unite sono perciò obbligati a seguire questo imperativo morale che mira a sradicare tutte le forme di schiavitù moderna nel modo più rapido ed efficiente possibile.

            Papa Francesco e Papa Benedetto XVI hanno giustamente definito la tratta di esseri umani un grave crimine contro l'umanità, poiché le sue vittime subiscono la peggiore forma di esclusione, definita “globalizzazione dell'indifferenza”.

            Per cogliere appieno il significato di tale rifiuto, disperazione e, in ultima analisi, esclusione da un minimo di dignità umana, è necessario comprendere che questa forma di violenza contro l'umanità consiste non solo nell'abuso fisico (tortura, abuso sessuale ripetuto, prelievo forzato di organi, lavoro forzato, compreso il lavoro minorile) ma comporta anche una violenza che tocca l'anima dei sopravvissuti. Questa, infatti, crea ferite più profonde e complesse di quelle già provocate dalla violenza fisica.

            Gli amici, legati da affetto reciproco, si riconoscono gli uni con gli altri e riconoscono l'esistenza gli uni degli altri. Le vittime non riescono ad avere veri amici, poiché non hanno il riconoscimento che rende l'amicizia un “bene unico” secondo la definizione di Simone Weil, ispirata da Aristotele. L'umiliazione della vittima, percepita come il ritiro o il rifiuto di quel riconoscimento dell'esistenza, danneggia, prima di tutto, a livello pre-giuridico, quel “stare con” gli altri che caratterizza ogni amicizia. La persona umiliata si sente denigrata o, peggio, totalmente disprezzata. Priva di quell'approvazione esistenziale essenziale che è l'amicizia, la sua personalità si riduce ed è come se la vittima non esistesse. L'umiliazione del lavoro forzato, della prostituzione, del prelievo involontario di organi, oltre alla violazione del corpo, da questo punto di vista, consiste nella percezione della vittima del non essere, di non essere considerato come un fine, ma come un semplice mezzo o proprietà di un altro: la persona diventa una cosa, un oggetto.

The humiliation of forced labour, prostitution, involuntary organ harvesting, in addition to bodily violation, from this point of view, consists in the victim’s perception of non-being, of not being considered as an end, but as a simple means or property of another: the person becomes a thing, an object.

 

 

            Nel caso della prostituzione, c'è qualcosa di ancora peggiore del completo annientamento dell'identità umana: è un tradimento dell'amore, qualcosa di cruciale per una giovane donna. Quando una famiglia vende o dona la figlia alla prostituzione, come spesso accade nei casi di estrema povertà e in ambienti promiscui, la tradiscono nell'amore che le devono e che lei deve ricevere da loro. Allo stesso modo, quando il partner o il fidanzato di una giovane donna le promette la luna, la terra e anche le stelle, e poi la vende alla prostituzione, anche lei viene tradita nel senso più intimo: nel rapporto d'amore come mutua approvazione e "vincolo di perfezione ”(τὴν ἀγάπην, ὅ ἐστιν σύνδεσμος τῆς τελειότητος, St. Paul, Col 3:14). Sfortunatamente, questo tradimento è il metodo più comune ed efficace tra i trafficanti, che utilizzano i giovani uomini per catturare gli adolescenti attraverso promesse d'amore. “Ci sposeremo e avremo figli”, dicono loro. Questo distrugge la fiducia più intima di una persona. Le vittime poi si sentono peggio che se fossero state rifiutate, e quindi, il processo di riabilitazione di solito inizia dal ricostruire la loro autostima e fiducia negli altri, in una sorta di riconoscimento pubblico del tradimento e della tratta che hanno subito. Questo tradimento da parte di qualcuno di cui si fidavano e amavano è spesso percepito come peggiore della morte.

 

            Sono necessarie due soluzioni per attuare efficacemente l'imperativo morale dell'Obiettivo 8.7 per sradicare queste forme estreme di esclusione: la tratta di esseri umani e la schiavitù moderna. In primo luogo, è necessario ottenere la migliore stima possibile dell'estensione di questo fenomeno in Africa, dei luoghi e dei regiquelli che ne sono maggiormente influenzati. In secondo luogo, è necessario proporre modelli e buone pratiche che siano efficaci per questi scopi, adattati alla situazione africana.

 

            Le stime attuali suggeriscono una cifra di 50 milioni di vittime all'anno, con una percentuale molto alta proveniente dall'Africa. La cosa più preoccupante è che questi numeri continuano a crescere. Ovviamente è nostro compito affinare queste stime e individuare la posizione delle vittime nel modo più accurato possibile.

 

In relazione ai modelli e alle best practice, queste variano a seconda della tipologia di reato. Non è possibile fornire un'analisi dettagliata qui. Vorremmo semplicemente accennare al fatto che consideriamo esemplare il cosiddetto modello nordico - che per la prima volta nella storia criminalizza i consumatori e non le vittime. È incomprensibile che nei nostri 2000 anni di cristianesimo non ci sia mai stata una ribellione sociale e collettiva - come è avvenuto nella lotta per i diritti umani, ad esempio - per condannare chiaramente la discriminazione subita dalle donne attraverso l'acquisto e la vendita dei loro corpi. San Paolo aveva affermato che "il corpo è il tempio dello Spirito Santo", [1] ma poi sant'Agostino formulò la dottrina del male minore, in un momento in cui la prostituzione era in qualche modo regolata dallo Stato, e questo purtroppo la dottrina ebbe una grande influenza sull'Occidente e sulla Chiesa, e non contribuì alla comprensione dell'antropologia specifica. Oggi ci sono attivisti che appartengono al settore privato che dedicano la loro vita alla riabilitazione sociale di queste vittime, creando un modello di successo che, oltre a dare loro supporto spirituale e psicologico, li aiuta a trovare una casa, un lavoro dignitoso, amicizia e riconoscimento .

 

            Per quanto riguarda la delicata questione del traffico di organi, nel nostro ultimo viaggio in Cina abbiamo lanciato un modello molto promettente per l'eradicazione di questo terribile male, che include una maggiore consapevolezza della donazione di organi. Infatti, si riconosce un aumento delle donazioni di organi per ridurre il traffico. Per incoraggiare la donazione di organi, i cinesi considerano i donatori e le loro famiglie come eroi, e sono sepolti in cimiteri speciali riservati a esseri umani così eccezionali. Inoltre lo Stato offre la sua decisiva collaborazione, senza la quale sarebbe molto difficile rispettare i brevi tempi richiesti per i trapianti ed eseguirli in sicurezza.

 

            I giudici e i pubblici ministeri partecipanti a questo importante vertice sono qui riuniti per condividere le loro esperienze, proporre nuovi modelli e valutare quelli esistenti. Confidiamo che queste donne, con la loro sensibilità, gentilezza e gentilezza uniche, combinate con la loro esperienza e giustizia basata sui principi, giocheranno un ruolo decisivo nell'esaminare ogni caso in modo equo e nel proporre le migliori pratiche. Non è un caso che la giustizia sia sempre rappresentata come una donna; è comunemente riconosciuto che le donne sono più capaci degli uomini di valutare ogni individuo caso per caso. La loro vocazione alla giustizia nella società - dare a ciascuno ciò che è proprio - è un'ulteriore manifestazione di questa disposizione.

 

            Senza giustizia non c'è società umana. È solo grazie alla figura del giudice che le società possono essere riconosciute come giuste e libere. Questo va ribadito, perché cresce la tendenza a diluire la figura del giudice attraverso pressioni dall'alto e dal basso, dallo Stato e dal settore privato, dalle strutture sociali riconosciute e dalle “strutture del peccato”, che, come potenti mafie, perseguono incessantemente il loro scopo di viziare la società, corrompendone la giustizia e la sua gente.

 

            Sfortunatamente, questo processo di dissoluzione colpisce le persone e le loro istituzioni più sacre. Una nazione non è solo la somma dei suoi individui in un dato momento, ma è costituita da valori permanenti, etica, istituzioni e soprattutto stato di diritto incarnato dalla magistratura. “Il sale è buono, ma se perde la sua salinità, come puoi renderlo di nuovo salato? Abbiate sale fra di voi e siate in pace gli uni con gli altri ”(Mc 9,50). Questo è il messaggio di Cristo, che risuona particolarmente tra i giudici e i pubblici ministeri. Abbiamo convocato questo Vertice nella speranza di fornire una bussola morale per navigare nell'oceano tempestoso della modernità in cui viviamo tutti. L'Africa, culla dell'essere umano, è oggi il continente più promettente per il futuro dell'umanità, per la sua ricchezza naturale e umana. Secondo Papa Paolo VI, “Sviluppo è il nuovo nome per la pace”, e il suo raggiungimento è intrinsecamente legato ai valori della dignità della persona umana, della giustizia e dell'amore.

 

 

 

+ Marcelo Sánchez Sorondo

 

 

 

[1] “Non sai che i tuoi corpi sono templi dello Spirito Santo, che è in te, che hai ricevuto da Dio? Non sei tuo ”(1 Cor 6:19).

Collegamenti

Atti del Summit African Women Judges and Prosecutors on Human Trafficking and Organized Crime 12-13... Continua

Dichiarazione finale

Casina Pio IV, Città del Vaticano, 12-13 dicembre 2018   La tratta e il traffico di persone... Continua

Declaración final

Pontificia Academia de Ciencias Cumbre de Juezas y Procuradoras Africanas sobre la Trata de... Continua

Declaração final

Academia Pontifícia de Ciências Cimeira de Mulheres Juízes Africanas sobre o Tráfico de Pessoas e o... Continua

Déclaration finale

Académie Pontificale des Sciences Sommet des Femmes Juges et Procureurs Africaines sur la Traite... Continua

Giudici e procuratrici contro la tratta di persone e il crimine organizzato

Summit 9-10 November 2017 - This meeting has been called under the conviction that modern slavery,... Continua